Itinerario 4 giorni a Marrakech

Ecco il mio itinerario di 4 giorni a Marrakech!

Finalmente sono pronta a condividere il mio itinerario di 4 giorni a Marrakech con te!
Dopo averti raccontato dove dormire, dopo aver condiviso con te tutta una lunga serie di consigli utili ecco per questo itinerario non trovavo mai il tempo e ogni giorno che passava i ricordi diventavano sempre più vaghi!
Devo dire grazie ad Instagram che con le stories mi ha aiutato molto a ricordare dove ero e quando!
Parlando proprio di Instagram, se mi segui, saprai benissimo che nel mese di Giugno sono stata a Marrakech e giuro, ho ricevuto un sacco di richieste di informazioni a riguardo, per cui ECCOMI QUA!
Cercherò di essere, come sempre, il più lineare e schematica possibile, altrimenti verrebbe un minestrone e non un itinerario! Ti inserirò anche tutti i prezzi, per darti un’idea di budget necessario per affrontare questo viaggio.

Ti anticipo che io sono stata SOLO 4 giorni a Marrakech, non ho fatto escursioni nel deserto/notti nel deserto/visitato altre città del Marocco, questo perché non avevo a disposizione molti giorni di ferie, ma volevo comunque visitare questa città.

ITINERARIO di 4 GIORNI A MARRAKECH

Ovviamente questo dovrà essere solo uno spunto ed ognuno si gestirà le giornate in base a ciò che più gli piace fare.
Tieni in considerazione che io ho “perso” molte ore della giornata per fare delle foto per il riad in cui alloggiavo, sicuramente tu potrai avere più tempo libero e fare, quindi, più attività.

GIORNO 1

Il primo giorno per me è sempre il giorno “dell’ispezione” fai un giro, cerchi di capire dove sei, come funziona e via dicendo.
Partiti da Malpensa all’alba e atterrati a Marrakech alle 9:00, giusto qualche piccolo inconveniente all’ATM (prendeva solo la carta di credito) e ad attenderci c’era già l’autista del Riad.
Tra una cosa e l’altra arriviamo al Riad intorno alle 10:30/11:00 e ci offrono subito un buonissimo tè alla menta e dei biscottini, uno più buono dell’altro!
– l’idea di partire subito all’ispezione della città quindi era già fallita –
La camera non era ancora pronta per cui, una volta finito il tè iniziamo a fare un giro alla ricerca di un posto dove mangiare nell’attesa della camera per farsi una doccia (sì, eravamo già sudatissimi e avevamo bisogno di svegliarci!).

Scegliamo di rimanere “in zona” (jemaa el fna) il primo giorno, per cui abbiamo visitato:

  • Souk: nome con cui loro chiamano “il mercato” da cui noi passavamo per raggiungere il Riad.
  • Jemaa El-Fna: piazza principale all’interno della Medina (nome del quartiere) che visiterete in lungo e in largo perché, anche da questa, ci passerete moltissime volte. Durante la giornata spesso la usavamo come punto di riferimento (in caso di smarrimento 🤣) e la sera andavamo SEMPRE lì per fare una passeggiata e cercare un posto per mangiare.
  • Koutoubia Mosque: questa moschea è il principale edificio religioso di tutta la città, poco al di fuori delle mura della città. Dalla piazza di Jemaa El-Fna basterà proseguire dritti, sarà impossibile non notarla!
    Attenzione, non fermarti alla prima facciata che vedrai, vai oltre, troverai anche dei bellissimi giardini!
  • Abbiamo poi vagato senza meta, perdendoci!
  • Jardin Secret: rimanendo in zona troviamo questo giardino, che avremmo voluto visitare il giorno dopo ma decidiamo di visitarli subito. Marrakech, ci ha raccontato un tassista, ha moltissimi giardini e, questo, è uno dei più conosciuti.
    Il prezzo per entrare è di 50 dirham (circa € 4,60) e sì, molto carino, molto piccolo, con un bel terrazzo dove poter bere e mangiare qualcosa di fresco, ma onestamente mi aspettavo di più.
  • Ritorniamo al Riad, ci rinfreschiamo e riposiamo un pochino sul terrazzo, usufruendo della jacuzzi (oramai erano quasi le 18:00).
  • La sera usciamo e andiamo in un ristorante molto bello che affacciava sulla pizza di Jemaa El-Fna Cafe Restaurant ARGANA. Ecco, riguardo la cucina non entrerò nel merito perché purtroppo, non ho potuto mangiare nulla di tradizionale e questa cosa mi è dispiaciuta moltissimo (sono intollerante al lattosio e sto molto male se mangio i peperoni)!
    Qui siamo tornati un’altra volta, ci siamo trovati molto bene e, per essere un ristorante abbastanza “caro” per loro, in realtà considerando gli standard europei € 40,00 in due è ottimo!
4 giorni a marrakech foto gaia
4 giorni a marrakech mercato
4 giorni a marrakech foto finestra
4 giorni a marrakech primo piano
4 giorni a marrakech giardini
4 giorni a marrakech piazza

GIORNO 2

Il secondo giorno avevo/avevamo (non so mai se parlare solo per me o anche per il mio ragazzo, in ogni caso sappi che ovviamente c’era anche lui!)  pensato di strutturarlo diversamente da quello che poi abbiamo fatto… inizio con l’elenco e poi capirai il perchè!

  • Iniziamo la giornata con la super colazione del Riad (ci chiedono dove saremmo andati e ci danno degli ottimi consigli riguardo al taxi). La colazione, parlare con loro che ci stavano ospitando, due foto, insomma è durato tutto molto più del previsto… eravamo già in ritardo!
  • Ci sistemiamo e andiamo a piedi nella piazza di Jemaa El-Fna per prendere il taxi che ci avrebbe portato a “le Jardin Majorelle” (famosissimi su Instagram!).
    L’ingresso costa intorno ai € 7,00 ma, volendo, c’è la possibilità di comprare anche il biglietto per il museo (il biglietto completo costa intorno ai € 10,00).
    A differenza dei giardini segreti, questi erano veramente stupendi, molto grandi e, ahimè, molto affollati.
    All’interno c’è anche un bar/ristorante dove abbiamo deciso di pranzare (i prezzi erano assolutamente nella media, ricordo di aver speso intorno ai € 30,00).
Qualche consiglio:

– Il ragazzo del Riad ci aveva detto che per raggiungerli avremmo dovuto pagare massimo 50 Dirham (intorno ai € 5,00) e questa informazione è stata utilissima perché il loro prezzo di partenza era 10 € (addirittura al ritorno uno ci aveva chiesto 10 € a testa!). Alcuni rifiuteranno ma non temere, sicuro qualcuno accetterà (in genere i primi due ci dicevano sempre no, soprattutto quando parlava il mio ragazzo, non scherzo).
Vai prestissimo. Noi siamo arrivati intorno alle 11:00 e abbiamo fatto 1 ora di coda con 40°. Non è stato molto divertente!
– Tieni in considerazione che la visita, compresa di pranzo e “riposo” in una delle magnifiche panchine ti porterà via parecchio tempo.

  • Mangiato avevamo mangiato, cotti eravamo cotti, caldo faceva caldo. Insomma fosse stato per noi saremmo andati a farci un bagno ma no, non abbiamo ceduto e abbiamo preso un taxi per vedere il Cyber Park e scoprire che le installazioni super fighe non c’erano più. L’ingresso era comunque gratuito e quindi ci siamo fatti una passeggiata.
  • Il Cyber Park è molto vicino alla piazza di Jemaa El-Fna, quindi non è stato necessario un ulteriore taxi, ma sono bastate le nostre gambe.
    Abbiamo deciso, però, di allungare un attimo il giro e di andare all’Ensemble Artisinal e, giuro, è una figata pazzesca!
    E’ come il souk ma ordinato e con negozi artigianali. Vedrete lavorare la paglia, il cuoio e troverete pochissima confusione. I prezzi sono decisamente più altri, se confrontati a quelli del souk, ma i prodotti sono molto più belli.
  • Erano oramai le 16:00 e l’idea era di andare a vedere le Tanneries (dove tingono le pelli), giusto per farci un’idea e magari tornarci il giorno dopo.
Breve approfondimento importante

Ecco qui ci siamo accorti realmente che non eravamo in Italia o in ogni altra parte del mondo che ho visitato. Qui eravamo in Marocco e dovevamo sottostare alle loro regole. 
Sono fuori dalla folla e come notano un turista andare in quella zona sanno che devono accompagnarti loro perché certamente stai andando lì.
Ci ha affiancato un uomo, non gli abbiamo dato retta come abbiamo fatto con tutti, non ci mollava, ci scortava, camminava velocissimo e ci incitava a camminare veloci come lui.
Siamo tornati indietro consapevoli che non le avremmo mai viste. Odio il fatto di dover sottostare contro la mia volontà a regole, orari e tempi non stabiliti da me, che vanno contro la mia volontà. perché dovrei pagare un uomo che mi fa fare una strada che io stessa avrei fatto, perché devo poi essere costretta ad andare nel loro negozietto e acquistare i loro prodotti, perché devi farmi fare strade piccole e strette per far sì che io mi perda e debba per forza seguirti.
Ne ho parlato anche con il Riad, ci ha raccontato che purtroppo è così e di evitare di vederle, non sono nulla di che.

  • Rientriamo quindi al Riad, ci abbiamo messo molto a ritrovare “la strada di casa”, ma ci siamo riusciti!
  • Alla sera abbiamo cenato da al Cafe Chez Zaza sempre situato nella piazza di Jemaa El-Fna, a detta del mio ragazzo veramente ottimo (parlo a nome suo perché come ti dicevo io non potevo ma giare gran che). Abbiamo speso veramente pochissimo (intorno ai € 20,00 in due) e la vista sulla piazza, col tramonto è stata stupenda!
    Parlano molto bene anche dei mille chioschetti che ci sono nella piazza, mi sarebbe piaciuto molto provarli!
4 giorni a marrakech giardin majorelle
4 giorni a marrakech artigianato
4 giorni a marrakech moschea
4 giorni a marrakech giardin majorelle scale
4 giorni a marrakech piazza tramonto
4 giorni a marrakech soffitto artigianato
4 giorni a marrakech pavimento

GIORNO 3

Terzo ed ultimo giorno completo a disposizione. Avevamo lasciato per questa giornata una zona specifica, in modo che prendendo una sola volta il taxi avremmo potuto visitarla tutta senza dover fare avanti-indietro più volte.

  • Colazione, ci sistemiamo e andiamo a piedi nella piazza di Jemaa El-Fna per prendere il taxi che ci avrebbe portato nella zona del palazzo El Badi.
    Si può assolutamente raggiungere a piedi ma sicuramente ci saremmo persi e avremmo buttato del tempo prezioso. Il percorso era decisamente breve, decidiamo quindi di offrire massimo € 3,00 per il taxi. Incredibile ma vero, ci siamo riusciti!
    Ci lasciano fuori dalle mura, e si accede da un arco, ci sono delle indicazioni, non troppo chiare. Abbiamo seguito una guida Coreana (da qualche parte dovevano arrivare)!
    FUN FACT: l’ingresso costa intorno ai € 7,00; la sicurezza si avvicina e ci dice sotto voce “io li vendo a meno, 2 a 10 €”. Sconvolta!
  • Vicinissimo al palazzo c’è il Miara Jewish Cemetery, assolutamente da vedere, sta a te scegliere cosa fare prima!
    Noi abbiamo scelto di “usarli” come tappa di mezzo tra i due palazzi.
  • Presto capirai che questa zona è densissima di cose da vedere e viette nelle quali perdersi. Un’altra cosa che devi assolutamente vedere, che si trova sempre nelle vicinanze è il palazzo Bahia! Ecco questo palazzo si avvicina esattamente all’ideale che avevo del Marocco. Spettacolare!
    Anche in questo caso il biglietto costa intorno ai € 7,00.
  • Passeggerai sicuramente sulla Rue Bab Agnaou, ecco, goditela!
  • Ridendo e scherzando erano già le 15:00 non avevamo ancora pranzato e i 40° erano sempre con noi.
    Prendiamo un taxi per la nostra mitica piazza, pranziamo al KFC e andiamo al Riad. Ci siamo piazzati nella jacuzzi e non ci siamo più mossi.
  • La sera torniamo nello stesso ristorante della prima sera.
4 giorni a marrakech gaia paolo
4 giorni a marrakech porta
4 giorni a marrakech pavimento
4 giorni a marrakech paolo e gaia
4 giorni a marrakech simplymegaia
4 giorni a marrakech strade
4 giorni a marrakech geometrie foto
4 giorni a marrakech donna

GIORNO 4

Colazione al volo e via in aeroporto, il transfer ce lo siamo fatti organizzare dal Riad, tutto perfetto!
Se hai letto il mio articolo sui consigli generali sai quant’è importante arrivare in tempo, ne caso te lo lascio QUI.

Le cose che non ho visto/fatto ma che ti segnalo nel caso in cui le voglia inserire nel TUO itinerario 4 giorni a Marrakech!

Ehssì, perchè ognuno alla fine si crea il proprio in base a gusti e priorità!

  • Menara Gardens, sono molto molto fuori dal centro storico, la nostra paura era di “buttare via tempo”. Vedendo qualche foto sembravano molto belli ma la paura del “sono dei giardini, ne abbiamo visti molti” era fortissima.
  • Madersa Ben Joussef, la scuola più instagrammabile del mondo ovviamente era chiusa, per restauro. Fortunatamente cercando dal Riad gli orari l’ho scoperto, così ci sono rimasta meno male!
  • Un’attività extra.
    Ecco ci sono diverse cose che si possono fare, tra attività ed escursioni. Noi abbiamo deciso di non farle (avendo fatto solo 4 giorni a Marrakech). Durante il mese di Giugno abbiamo lavorato 7/7, e per noi voleva essere anche una mini vacanza per staccare e riposarci. In più, come ti dicevo, nell’itinerario non ti ho inserito il tempo per le foto del Riad.
    In ogni caso potresti:
    – andare in un Hammam 
    – tour in cammello/quad (in cammello personalmente eviterei, come eviterei di salirei sulla carrozza trainata da quei poveri cavalli che si trovano nella famosissima piazza, ma non è questo il momento di polemizzare)
    – trekking tra le valli dell’Ourika, Oukaimden, Ait Fares e Asni
    – visitare Essaouira in giornata
    – ed altro ancora 🙂

… e i souvenirs??

I souvenir li troverai ovunque, considera che il prezzo di partenza lo fanno fare sempre a te, pensa un prezzo e digli la metà. Come dicevo nel mio articolo sui tips odio barattare, odio non essere a conoscenza di quanto costa un prodotto e perdere un sacco di tempo nel “trattare“. Ho comprato molte poche cose.
L’olio di argan l’ho comprato, ed è stato un ottimo acquisto.
Dove ho comprato quasi tutti i souvenirs mi hanno chiesto “hai bisogno di spezie o argan?“, OVVIO! Ecco che mi portano in un vicolo assurdo, dove non sarei mai passata, sono stati attimi assurdi, e sono arrivata in una “farmacia” enorme ed ho comprato tutto lì. I prezzi erano decisamente molto alti rispetto a tutto il resto, ma se non lì dove?!

Okkei ora sei prontissimo per partire, non puoi avere altri dubbi!
In ogni caso ti lascio il link dove puoi trovare tutti gli articoli che ho scritto su Marrakech: CLICCA QUI.

A presto e buon viaggio ❤️

Gaia

Gaia Azzolini

Curiosa, solare e chiaccherona. Qui troverai tutto sulla mia vita e sulle mie passioni. Amo condividere. Solo così posso conoscere nuove persone che hanno le mie stesse passioni.