Un anno dopo, come procede la convivenza?

Aggiornamento: Un anno dopo, come procede la convivenza?

Eccoci, oggi ti faccio fare i fatti miei, parliamo di convivenza!
Se sei nuova probabilmente è il caso di fare un piccolo passo in dietro. Più di un anno fa ho deciso di “diventare grande” ed andare a convivere con quello che da anni era (piccolo spoiler: continua ad esserlo) il mio fidanzato.
In realtà ho già scritto degli articoli a riguardo, quindi, se ti interessa, puoi leggere anche “Quanto costa arredare un appartamento in affitto?” e “Vivere da sola a 20 anni”.

Perfetto, ora che siamo tutti “alla pari” posso procedere! Ho pensato di rispondere alle domande che mi vengono fatte più spesso, in modo da rendere tutto più semplice.

Com’è convivere? È come immaginavi?

convivenza foto

ASSOLUTAMENTE NO!
Non è mai facile rispondere a questa domanda. Vivere da soli non è del tutto semplice, soprattutto se in casa con mamma e papà non si è mai stati “obbligati” a fare troppe cose. Ogni tanto davo una mano, ma diciamo che il mio contributo era minimo rispetto alla quantità di cose che ci sono da fare, e ammetto di essermene accorta solo ora!
Mi sono resa conto di quanto può essere “noioso” dover fare tutte le varie faccende domestiche e sminuire il tutto a “devo pulire casa” è troppo riduttivo. Se dovessi essere puntigliosa ci sarebbe sempre qualcosa da fare.
A questo aggiungiamo che non sono da sola ma con me c’è il mio ragazzo (e già qui potrebbe essere abbastanza, ma ammetto che mi da sempre una mano) e una piccola gatta persiana che perde molto pelo e con gli occhietti che, come la razza vuole, perdono delle piccole caccoline marroni che si intonano benissimo al pavimento chiaro (ma sulla micia farò dei piccoli articoli dedicati).

Com’è il tuo rapporto col fidanzato dopo un anno? È cambiato?

convivenza snowboard

È CAMBIATO!
Sarebbe facile dire “con la convivenza è decisamente migliorato” e non sarebbe neanche troppo vero. Non fraintendermi, non sto alludendo a nulla, dico solo che è un rapporto diverso.
Non saprei dirti se è effettivamente meglio ora, ipoteticamente sì, credo che sia meglio, ma come stavo bene anche 2 anni fa; credo che dipenda da un insieme di fattori il “vivere meglio” un qualcosa, ma che non lo sapremo mai realmente bene.
Siamo veramente sempre insieme, a volte anche troppo, ci sto benissimo, ma in alcuni momenti prendere del tempo “solo per me” non mi dispiace.
Nei primi mesi non è stato affatto facile, avevamo abitudini completamente diverse e il “venirsi in contro” non è stato molto immediato. A questo si aggiunge poi l’ingresso di un terzo essere vivente che seppur non parlante, è un grande impegno (un gatto è impegnativo? Se approfondiresti il discorso sulla razza del nostro mi daresti solo che ragione).

Te ne sei pentita?

convivenza montagna

NO!
Ecco questa è la cosa più scontata in assoluto, ma è la verità!
Spesso mi capita di scherzare e dire “voglio tornare da mamma e papà” ma la verità è che non tornerei mai. Oramai ho i miei ritmi, le mie abitudini, la mia indipendenza, sarebbe troppo difficile.
In ogni caso andare via di casa aiuta, ti fa capire chi sei realmente e ti aiuta a crescere.
Ogni mese divento “sempre più brava” nel gestire il tempo e, così facendo, riesco ad aggiungere sempre più cose “da fare”. Entri in una specie di tunnel, non ne uscirai mai, ma sarai immensamente fiero di te!

Un resoconto finale? Ora come procede la convivenza?

convivenza venezia

BENE!
Come ti dicevo ci sono stati alti e bassi e indubbiamente la convivenza non è facile.
Molte volte sento di “persone” che vanno a “vivere da soli” ma in realtà non se ne vanno mai; magari sono sempre dai genitori a mangiare, magari gli portano le cose da lavare/stirare, magari la mamma va a fargli le pulizie e mille altre ipotesi.
Ecco per la mia “prima volta” ho voluto evitare tutto ciò e, proprio per aiutarmi ad evitarlo, non sono rimasta a casa dei miei.
Forse non lo sai ma i miei genitori hanno una casa singola “multifamiliare”, loro sono al piano terra ed il primo piano e la mansarda sono liberi. Se fossi rimasta lì non me ne sarei mai andata realmente. Magari un domani tornerò lì, magari no, ma per ora sto bene dove sono, nonostante non abbia “il mio giardino” e tutto lo spazio di prima, ma non mi importa!

Tornando a noi, col mio ragazzo va tutto bene, vedo la nostra relazione sempre più “vera” e solida.

Ogni giorno che passa lo vedo sempre più fondamentale (non amo essere sdolcinata ma è la realtà).

Prossimi progetti?

convivenza foto specchio

CASA NOSTRA e FIGLI.
No scherzo, ma è quello che tutti si aspettano! Non ho fatto dei “progetti futuri“, in generale tendo a vivermi la giornata, nonostante possa non sembrare visto la mia mania nell’organizzare in modo minuzioso tutto. Solo chi mi conosce sul serio sa che nonostante questa mia “mania” deriva principalmente dal mio lavoro, e dagli altri impegni e doveri che so di avere; in realtà vivo molto la giornata non amando particolarmente gli imprevisti.

Sicuramente l’andare a vivere da soli era anche un modo per sviluppare progetti e passioni che abbiamo, cosa che stiamo facendo alla grande!

Non so cosa mi/ci riserverà il futuro, mi auguro che mi insegni molto, che mi faccia maturare, che non sia quindi troppo “facile” e che sia estremamente stimolante (la “salute” è sottointesa).

Se sei indeciso sul da farsi “vado o non vado”, vai, non pensarci troppo, a tornare in dietro si è sempre in tempo.

A presto 🙂

Gaia ❤️

Gaia Azzolini

Curiosa, solare e chiaccherona. Qui troverai tutto sulla mia vita e sulle mie passioni. Amo condividere. Solo così posso conoscere nuove persone che hanno le mie stesse passioni.